Presidi Slow Food

Caserta

La nostra Terra, la nostra Provincia chiamata, un tempo Terra di Lavoro, affonda le sue radici in oltre 2000 anni di storia. Storia che possiamo ancor’oggi “vivere” sia come cucina che come architettura ed eventi che hanno contribuito a far nascere questo bellissimo angolo d’italia.

Scrivendo, in quest’articolo esclusivamente di storia culinaria, ci piace soffermarci soprattutto su due prodotti esclusivamente della nostra Provincia e cioè:

Il conciato Romano è il formaggio più antico al mondo. E’ lo stesso formaggio che i Sanniti consumavano ancora prima di iniziare a scontrarsi con i Romani. Ancora oggi lo producono con le medesime procedure anche se ci sono varianti leggermente più “adeguate” ai nostri tempi.

Il vino asprinio invece viene prodotta dall’omonima uva asprinia solo in questo angolo del mondo. La pianta è abbinata a tutori vivi (olmi o pioppi) e forma una vera e propria barriera vegetale in grado di superare i 20 metri di altezza. Questo sistema di coltivazione, chiamato alberata, ha caratterizzato il paesaggio della zona tra Napoli e Caserta per centinaia di anni.

Di seguito lasciamo alcuni link che potrebbero interessarvi per tutto ciò che appartiene alla nostra millenaria tradizione agricola ed alimentare.
Del vino Asprinio e del conciato romano abbiamo già parlato prima, ma la nostra provincia è ricca di moltissime altre cose.

Questi presidi Slow Food, sparsi un po in tutta la provincia di Caserta, un tempo chiama Terra di lavoro, da l’occasione di conoscere molto altro, anche la storia ha una sua importanza. Visitare il borgo Medioevale di Caserta Vecchia ed assaggiare alcune ricette medioevali o visitare l’anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere dove combatteva lo schiavo ribelle, Spartacus. La nostra Terra è ricchissima di ogni varietà di cose, una settimana è poco per poter sostare presso di noi!